Nella delegazione nazionale anche Gaetano La Rocca

Lo sviluppo in primo piano

Si è tenuto a Pechino il summit annuale del G20 dei Giovani Imprenditori, sul tema dell’Industria 4.0 e sul ruolo chiave del fare azienda «come soluzione per ritrovare la via della crescita globale». Fra i 38 delegati italiani di Confindustria, 5 erano dell’Associazione nazionale dei costruttori edili (2 di Ance Lazio e 1 di Ance Frosinone). Per la provincia di Frosinone va sottolineata la presenza di Gaetano La Rocca, presidente del gruppo Giovani di Ance Frosinone.

I Giovani di Confindustria hanno sottoscritto «le raccomandazioni formulate insieme ai colleghi nel corso del summit G20YEA e racchiuse nel comunicato ufficiale, con l’auspicio che possa rappresentare una vera chiamata all’azione per i Governi a concentrare le future politiche per lo sviluppo e la crescita valorizzando il ruolo dell’imprenditorialità, e puntando a sostenere e sviluppare l’innovazione e le competenze digitali».

Continuano i Giovani industriali:«L’obiettivo ambizioso è quello di stimolare crescita inclusiva e lavoro. Le piccole e medie imprese dei Paesi del G20 detengono il primato della creazione del maggiore numero di posti di lavoro, impiegando più dei due terzi dei lavoratori nel settore privato e fornendo più dell’80% della crescita». Tra le dieci raccomandazioni formulate, da segnalare quella che punta a «rendere obbligatorio l’inserimento di corsi di studio e avvio all’imprenditorialità nelle scuole primarie e secondarie». Ma pure quella che intende «istituire una piattaforma globale per il commercio elettronico per semplificare e armonizzare i regolamenti e le barriere doganali». Nel documento si legge pure che è importante «implementare riforme strutturali che favoriscano l’imprenditorialità snellendo e semplificando la burocrazia e alleggerendo il carico fiscale».

«I Giovani imprenditori sono un motore di dinamismo e crescita economica – ha dichiarato il vicepresidente Gian Giacomo Gellini – e noi ci impegneremo affinché il nostro Governo crei le condizioni per un sistema favorevole allo sviluppo delle piccole e medie imprese».

 

3/11 settembre 2016